Buona la prima per il "Salento Finibus Terrae"

di Mariagrazia Semeraro venerdì, 26 luglio 2013 ore 02:14

Bagno di folla per assistere alle proiezioni a Savelletri

SAVELLETRI - L'idea di portare il cinema nelle frazioni fasanesi è stata apprezzata e premiata dai numerosi cittadini e turisti che hanno preso d'assalto Savelletri, ieri giovedì 25 luglio, per la prima del Salento Finibus Terrae, festival itinerante dedicato ai cortometraggi, alla sua undicesima edizione.

La manifestazione a ingresso gratuito premia i migliori corti trasformando in sale cinematografiche le location più suggestive della Puglia.

Giovedì 25 luglio nella zona del Porto di Savelletri sono stati presentati i cortometraggi della sezione "Corto Italia".
Sono stati proiettati: "I Corvi" regia di Marco Limberti, con Anna Falchi nei panni di una "boss", "Dannato rock" regia di Fabio Luongo con Le Vibrazioni, "Emilio" regia di Angelo Cretella, "La legge di Jennifer" regia di Alessandro Capitani, "La sala" regia di Alessio Giannone che raccontava il tipico matrimonio meridionale, "Pollicino" regia di Cristiano Anania, "Vicino a te" regia di Giovanni Sinopoli, "Seguimi" regia di Matteo Tondini, "Anna bello sguardo" regia di Vito Palmieri, "Importante molto importante" regia di Alessandra Pescetta.

Dal corto comico a quello tragicomico fino a rasentare il genere drammatico: i cortometraggi proiettati sono stati inghiottiti come pillole di arte dagli avventori, molti dei quali durante una passeggiata si fermavano per assistere agli spettacoli.

E stasera, venerdì 26 luglio, il Salento Finibus Terrae si sposta a Torre Canne per la proiezione della seconda parte di "Corto Italia" e della prima parte dei film della sezione "Reelove".

Tra i corti: "Una volta fuori" regia di Renato Chioccia, "Perchè" regia di Giacomo Giarrapico, "Impunito" regia di Mario Spinocchio, "I frutti sperati" regia di Ezio Maisto, "La prima legge di Newton" regia di Piero Messina, "Il processo del lunedì" regia di Giuseppe Blasi.
Per la sezione "Reelove" saranno proiettati: "Memory", regia di Victor Suner, "Musik liegt in der luftv" regia di Tim Boss, "La boda" regia di Marina Seresesky, "Mi ojo derecho" regia di Josecho De Linares, "Luminaris" regia di Juan Pablo Zaramella.

Tempo di lettura stimato: 1'20''

 

Attribuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Fasano social







Commenti recenti

  • pastore giovanni

    "NON MI SENTO PIU' RAPPRESENTATO DA NESSUNO E PER QUESTO NON ESPRIMERO' IL MIO VOTO".Questa dominante scelta,cosciente e ragionata,di molti...

    Mostra articolo